Cartorange

Scopri tutte le novità CartOrange
con la nostra newsletter!

Iscriviti ›

L’AFRICA DEGLI ANIMALI, PER COPPIE E FAMIGLIE

Affascinante itinerario in Namibia, giusto mix fra tradizione africana e cultura europea.
Un viaggio alla scoperta della natura selvaggia, dal Parco di Etosha al Deserto del Namib, con orizzonti infiniti in una nazione grande tre volte l’Italia, ma con solo 2 milioni di abitanti, da effettuare in completa sicurezza, con auto propria!
Resteranno indelebili nei vostri ricordi i cieli africani e le pozze d’acqua, dove ogni animale prima o poi deve passare; sarà come vedere Superquark di Piero Angela, ma stavolta “dal vivo” in un susseguirsi di emozioni.
E con l’organizzazione di CartOrange sarete nel posto giusto al momento giusto!

WINDHOEK (1 giorno)
Partenza dall’Italia ed arrivo a Windhoek, generalmente via Johannesburg.
In aeroporto ritiro dell’auto, (solitamente basta una 2x4) e partenza per la capitale della Namibia, una città gradevole con moderni negozi nelle vie del centro città. Da visitare la Christuskirke, il National Museum of Namibia dove sarà possibile conoscere gli ultimi eventi storici fino all’indipendenza ottenuta nel 1991.
Windhoek sorge su un altopiano e presenta bei parchi, diversi ristoranti etnici, un mercato di artigianato locale e una atmosfera gradevole.

OKONJIMA (1 giorno)
Arriviamo oggi a una Guest Farm non profit, che ha lo scopo di studiare e proteggere i grandi felini della Namibia, specialmente leopardi e ghepardi, oggetto di caccia da parte degli allevatori a causa degli attacchi al bestiame.
Si faranno safari con autista/guida alla ricerca di leopardi, ghepardi e licaoni, ma vedremo molti altri animali tipici della savana africana.

ETOSHA NATIONAL PARK (2/3 giorni)
Siamo in uno dei “santuari” della natura africana. L’ideale è fare 3 pernottamenti in due luoghi diversi. Fondamentale è dormire dentro il parco. Così facendo si avrà la possibilità di vedere le pozze più frequentate all’alba ed al tramonto, i momenti più probabili per vedere gli animali. Dormendo fuori dal parco si arriverà tardi al mattino o si dovrà uscire prima alla sera; infatti i parchi aprono ogni giorno dall’alba al tramonto.
Normalmente i parchi africani si visitano in compagnia di ranger su un mezzo fornito dal parco; Etosha no, lo si può visitare in autonomia con la propria auto, basta rispettare alcune regole fondamentali (tipo non scendere mai dalla macchina se non in apposite aree recintate, o mettere immediatamente in moto se un elefante mostra un “eccessivo interesse” verso di noi).
E’ una grande emozione vedere gli animali selvatici nel loro habitat. Per chi viaggia con bambini, bellissimi gli occhi pieni di stupore dei più piccoli: la Namibia è meta adatta anche a loro.

DAMARALAND (2/3 giorni)
Ci spingiamo verso sud-ovest nella regione del Damaraland. Consiglio 1/2 pernottamenti a Twyfelfontein, selvaggio luogo dalle bellissime rocce rosse ed 1 pernottamento a Palmwag.
Oltre a strade bellissime che lo percorrono, il Damaraland presenta numerose attrattive, come le più antiche incisioni rupestri d’Africa, la Foresta Pietrificata, le “Canne d’Organo”; in questa regione è possibile avvistare gli elefanti del deserto ed i rinoceronti del deserto con appositi safari su mezzi 4X4 locali, in una cornice paesaggistica di grande bellezza. Il consulente Cartorange vi suggerirà le strade più panoramiche. Inoltre, sempre in questa zona, potremo avvicinare il popolo Himba, esperienza di grande rilievo, anche umano.

SKELETON COAST/SWAKOPMUND (2/3 giorni)
Passaggio d’obbligo dalla suggestiva “Costa degli Scheletri” così chiamata per le numerose navi incagliate o affondate lungo questo tratto di costa atlantica.
In questa zona, da visitare la colonia di otarie di Cape Cross, la più numerosa del paese e una delle più grandi del mondo!
Swakopmund è una cittadina gradevole con alcuni edifici coloniali, adagiata tra l’Oceano Atlantico ed il Deserto Namib, con un bel museo ed altre interessanti attrazioni.
Impiegheremo uno dei giorni a Swakopmund per l’escursione che parte da Walvis Bay, prima in catamarano per l’avvistamento di delfini, foche e pellicani, poi sulle dune del Namib, che percorreremo con jeep 4x4 a tutta velocità, con al volante esperti autisti/guida, alla scoperta di uno dei deserti più antichi del mondo.

DUNE di SOSSUSVLEI (2 giorni)
Dopo un lungo trasferimento e dopo aver superato il Tropico del Capricorno, arriviamo a Sossusvlei dove il Deserto del Namib ci regala le dune più alte del mondo.
Anche qui, come ad Etosha, converrà dormire o dentro il parco o nelle vicinanze, in modo che al mattino, all’apertura dei cancelli, saremo già pronti per partire. Arriveremo, quindi, nella zona delle famose dune ad un orario che ancora ci darà ottima luce per le foto; apprezzeremo, inoltre, il fresco del mattino; infatti, già alle 9.30 – 10.00 da queste parti può fare molto caldo.
I più sportivi potranno salire su Big Daddy, la duna più alta del mondo ! E poi, è bellissimo lanciarsi giù in discesa, a piedi nudi; la sabbia ci frena ed è eccitante correre così, liberi !!!
Proseguiamo la visita col Deadvlei, un lago salato “morto”, e successivamente col Sesriem Canyon, vicino al gate di entrata.

DESERTO del KALAHARI (1/2 giorni)
Dopo il Namib un nuovo deserto il Kalahari. La sabbia del Kalahari è più rossa e più pura rispetto a quella del Namib, che già ha un bellissimo colore. Tra le sabbie del Kalahari, spiccano cespugli ed alberi, in un contrasto di colori di rara bellezza.
Effettueremo nuovi safari alla ricerca degli animali di questo deserto che copre 930.000 kmq. cioè più di 3 volte la superficie italiana e tocca 9 nazioni.
Scopriremo l’abilità dell’orice (specie di antilope) che in questo ambiente può sopravvivere con 2/3 litri di acqua all’anno, meritando così di essere ritratto nella bandiera nazionale namibiana. Osserveremo i grandi nidi del tessitore socievole, a volte grandi quanto gli alberi che li ospitano e l’autista-guida ci svelerà i segreti degli animali e dell’ambiente desertico.

WINDHOEK (1 giorno)
Si torna nella capitale. Ultimi acquisti nei bei negozi o al mercato della città, consigliata cena in ristorante panoramico in uno dei quartieri residenziali della città. Rientro in Italia.

ESTENSIONI FACOLTATIVE:
Se il tempo a disposizione è maggiore, è possibile effettuare alcune prolungamenti.

WATERBERG PLATEAU (1 giorno)
Si visita questo altopiano di arenaria dove sono stati trovati molti dinosauri e abitato dalle popolazioni dei boscimani e degli herero.
In quest’area sono stati reintrodotti alcuni animali in via d’estinzione, come i rinoceronti neri e l’antilope roana.

CAPRIVI (2/3 giorni)
Da Etosha proseguimento per il “dito” del Caprivi, che si insinua tra Angola, Botswana e Zimbabwe, in un ambiente ricco d’acqua con ippopotami e coccodrilli.

OPUWO e EPUPA FALLS (2/3 giorni)
Visita dell’estremo nord della Namibia. Questa è l’area meno adatta per chi ha bambini, in quanto spesso è consigliata la profilassi antimalarica.
Il viaggio in queste remote zone è stancante a causa dei lunghi trasferimenti, ma sarà ripagato dai bellissimi panorami del Kaokoland e dalle cascate di Epupa, vicino al confine con l’Angola.

FISH RIVER CANYON ed il SUD (3/4 GIORNI)
Si raggiunge Luderitz e dopo un lungo trasferimento arriviamo al Fish River Canyon, secondo al mondo per dimensioni solo al Grand Canyon degli U.S.A.
Come si può immaginare il luogo è di grande bellezza e suggestione.

POSSIBILITA’ di ESTENSIONE MARE in MOZAMBICO, o di VISITA delle FANTASTICHE CASCATE VITTORIA.

Quotazioni su richiesta in base alla scelta delle strutture ricettive ed alla durata del viaggio.

l'autore di questo viaggio: Giuseppe Gianassi

')