Cartorange

Scopri tutte le novità CartOrange
con la nostra newsletter!

Iscriviti ›

Incanto Africano

Questo originale itinerario vi porterà alla scoperta dell’Africa Australe: dalle impetuose Cascate Vittoria, agli scenari impagabili della Namibia fino al Sudafrica per assaporare appieno tutte le emozioni dell’Africa.

Il nostro viaggio inizia con un primo soggiorno alle Cascate Vittoria, dove un pernottamento di due notti ci consente di conoscere le meraviglie del parco e del “fumo che tuona”, come appunto vengono chiamate le cascate dalle popolazioni locali. La nostra guida ci condurrà attraverso la vegetazione ad ammirare la flora e la fauna locale, giungendo al punto in cui si può osservare tutto il fronte della cascata, esattamente davanti allo spettacolare salto.
Nel pomeriggio della prima o della seconda giornata si effettuerà una mini-crociera lungo il fiume Zambesi per ammirare l’infuocato tramonto africano mentre elefanti, ippopotami e coccodrilli nuotano placidamente nelle acque del fiume.

Segue poi l’itinerario in self-drive in Namibia, disegnato per viaggiatori indipendenti e curiosi, alla scoperta di uno degli ultimi scampoli di incontaminata wilderness africana, caratterizzato da orizzonti sconfinati, distanze dilatate ed un’incredibile e singolare varietà di paesaggi, modellati dalle primordiali forze della natura.
Il viaggio viene pensato evitando trasferimenti troppo lunghi ed impegnativi, 4 - 5 ore al massimo, per non trasformare il percorso in una serie di meri trasferimenti automobilistici da punto a punto, ma renderlo un’esperienza piacevole ed appagante.

La prima tappa namibiana è Windhoek, la moderna capitale del paese, dall’atmosfera e dalle architetture che denotano una piacevole e singolare fusione tra elementi tedeschi ed africani. E’ una città a vocazione politico-amministrativa e commerciale che non presenta moltissime attrattive ma rappresenta uno stop ideale per rilassarsi dopo il lungo viaggio intercontinentale.
Dopo una notte trascorsa in un ottimo boutique hotel, prevediamo la partenza di buon mattino, sempre consigliata visto che il sole a queste latitudini cala presto e molto repentinamente.

Si prosegue in direzione sud-ovest verso il Deserto del Namib, immensa distesa di gigantesche dune di sabbia che si stende lungo la costa occidentale della Namibia. Viene chiamato il “Deserto che vive” per la presenza di una fauna (composta anche da mammiferi di grossa taglia come orici e struzzi) perfettamente adattata alla sopravvivenza in un ambiente apparentemente ostile alla vita. Molto particolare il panorama invernale quando rarissime ed intense piogge danno al deserto colori ed atmosfere inconsuete e quasi fatate, con laghetti e pozze d’acqua effimere circondate da fiori dai colori vivaci. Due notti sono necessarie per assaporare le bellezze del deserto.

Lasciamo il Namib Naukluft ma non il deserto che si estende anche al di là del confine del parco per approdare a Swakopmund, un singolare pezzo di Baviera trapiantato nella remota Africa del Sud Ovest, stretto tra l’Oceano Atlantico e le dune del Namib. Non è una località balneare di tipo mediterraneo (l’acqua è decisamente fredda) ma è un’ottima base per escursioni di ogni genere dai voli sulla Skeleton Coast (raccomandato!) al quad biking tra le dune. Con due giornate a disposizione possiamo pianificare le visite ed escursioni alla Moon Valley (un complesso di singolari formazioni rocciose modellate dalla forza del vento e dell'acqua) e a Sandwich Harbour (un oasi fatata accessibile in funzione delle maree).

Da Swakopmund pieghiamo verso l’interno, in direzione est verso Windhoek dove termina il viaggio in Namibia per proseguire alla volta del Sudafrica.

Arriviamo in volo a Cape Town dove noleggiando un’auto potremo visitare la città e la sua magnifica regione: tre giorni sono il minimo necessario per scoprire quanto offre la città tra incantevoli paesaggi naturali, eleganti architetture urbane e stimolanti suggestioni culturali ed enogastronomiche. Molto piacevoli anche le spiagge poste lungo l’Atlantic Seaboard tra cui Sandy Beach e l’esclusiva Llandudno, senza dimenticare l’elegante e sofisticato sobborgo di Constantia, a 10’ dal centro cittadino, il primo insediamento vinicolo del Sudafrica.

Non dimentichiamo poi il selvaggio West Coast National Park, a circa due ore di auto a nord della città, bagnato dalle acque azzurre della laguna di Langebaan, che offre grandi spiagge dalle dune sabbiose coperte da una fitta vegetazione a macchia ed arre umide popolate da una straordinaria varietà di uccelli.

Da Cape Town possiamo partire per l’esperienza forse più emozionante del viaggio: il safari in riserva privata! Infatti, possiamo scegliere di volare direttamente nella regione del Mpumalanga, da cui raggiungiamo il famoso Parco Kruger, dove trascorreremo due giornate interamente dedicate al foto-safari guidato da esperti rangers di lingua inglese a bordo di jeep scoperte 4x4, alla ricerca dei Big five ed i grandi mammiferi africani.

Il viaggio può terminare qui oppure, se si desidera prolungare l’itinerario con un soggiorno mare, si potrà scegliere tra mete da sogno come Mauritius, Seychelles oppure l’esclusiva Mozambico.
Quotazioni dell’itinerario su richiesta a partire da 14 giorni con eventuale estensione mare, in base alle esigenze di viaggio e di budget.

l'autore di questo viaggio: Simona Savigni

')