Cartorange

Scopri tutte le novità CartOrange
con la nostra newsletter!

Iscriviti ›

Il Kenya: un quadro dai mille colori

Un viaggio attraverso il Kenya, uno dei paesi più affascinanti del continente nero, conosciuto per i suoi colori intensi, per i suoi profumi inebrianti, per i suoi paesaggi lussureggianti e per le sue spiagge di finissima sabbia bianca.
La costa kenyota è divisa in tre baie di bianchissima sabbia corallina circondate di palme da cocco e capanne makuti (foglie di palma di cocco intrecciate). Il Kenya è raggiungibile con volo charter o di linea, con scalo all’aeroporto di Mombasa. Già durante il transfer tra l’aeroporto e la principale località di mare (Watamu) una strana emozione vi coinvolgerà: alte palme da cocco, piante di banano e papaya sparse un po’ ovunque, villaggi di case di rami intrecciati e fango con splendidi e sorridenti bimbi che vi accoglieranno con un forte “Jambo!” che in lingua swahili vuol dire “Ciao”.

Watamu e le sue spiagge:
Tra le meravigliose baie quella che vi resterà più impressa è Watamu Bay, con tre isolotti di fronte, che con la bassa marea mostrano cordoni di sabbia che formano spiagge grandissime con qualche pozza di mare relitto. Ma anche stupende sono: la Blu Lagoon e Turtle Bay (lunga circa 7 km), alla cui estremità sud della spiaggia vi è la bocca di Mida, un'insenatura orlata dalla grande mangrovia, ideale per birdwatching.
L’arrivo al vostro alloggio, situato nel piccolo villaggio di pescatori, sarà dei più calorosi e variopinti e non vedrete l’ora di lasciar le vostre valigie in camera e fare una passeggiata a piedi nudi sulla lunga distesa di sabbia bianca.

I primi 5 giorni serviranno ad ambientarsi a questa nuova realtà, alternando mare e uscite notturne in alcuni locali e disco pub dove saranno presenti spettacoli dal vivo di musica e folklore locale. Sarà impossibile non farsi coinvolgere dai loro ritmi e dal loro calore. Divertente è anche girare per i paesi con i mezzi locali quali, Matatu (pullmino locale per spostamenti più lunghi da un paese all’altro o piccoli spostamenti nel paese stesso), Tuk tuk (sorta di tre ruote piaggio), Bajaji (motociclette), che vi faranno sentire parte integrante di questa popolazione. Si fermano ovunque voi siate, su richiesta.

Marine Park, safari blu:
Successivamente potrete alternare mare ed escursioni al Marine Park di Malindi con il Safari Blu; partendo proprio da qui con a bordo di una imbarcazione con tetto per proteggersi dai raggi solari e fondo di vetro da cui è possibile scorgere durante il tragitto migliaia di pesci nuotare sotto lo scafo della barca o, ancora meglio, nuotare assieme a pesci dai mille colori; la pausa pranzo prevede una sosta su un’isoletta di Mayungu con menù a base di pesce o carne e frutta. Chi non è ancora stanco dopo questa escursione, a poche decine di metri prima dell’ingresso al Marine Park, potrà visitare la Crocodile Farm con specie di rettili e coccodrilli di varie dimensioni.

Mida Creek di Watamu:
Un’altra tappa obbligatoria è destinata all’area del Mida Creek di Watamu (1 giorno) visitabile sia passeggiando per la distesa di mangrovie, dove potrete osservare le centinaia di specie di uccelli lì presenti ed il villaggio di persone che lì vivono, sia con escursione in barca, alla scoperta di migliaia di pesci dalle svariate razze e stupende forme coralline. Seguirà il pranzo a base di pesce da consumare sull’affascinante isoletta di Sudi.
Dopo pranzo seguirà un momento di relax e chi è interessato potrà avventurarsi a bordo di una canoa di legno per il canale del Mida Creek, oppure dirigersi all’Eco Camp di Mida dove è possibile scorgere centinaia di uccelli quali, cicogne, fenicotteri, ibis, aironi bianchi e molti altri.
Il rientro, durante il quale sarà possibile, se fortunati, scorgere qualche delfino nuotare attorno alla barca, è previsto per le 4.30 pm circa.

Le rovine di Gede e il cuore di Malindi:
Di mezza giornata è invece l’escursione che vi consentirà di scoprire la vera Africa: si comincia con un tuffo nel passato visitando l’affascinante città di Gede fondata nel XIII sec. Da qui si andrà alla scoperta delle danze e dei costumi di alcuni villaggi immersi in una lussureggiante vegetazione equatoriale; si continuerà con una passeggiata a Malindi, la più famosa località balneare della costa del Kenya.
La visita continuerà per il mercato vecchio e il centro fino a raggiungere la falconeria per saperne di più sulla famiglia dei rapaci quali aquile reali, falchi, sparvieri ecc., e di altri animali quali tartarughe giganti, coccodrilli e serpenti.

Sabaki river, Che Shale, Hell’s Kitchen:
Prima del grande safari fotografico non deve mancare una visita al secolare e mastodontico Baobab gigante e del Sabaki River nel quale se fortunati potrete avvistare gli ippopotami. Pausa pranzo in un ristorante della particolarissima spiaggia di “Che Shale” con la sua sabbia color oro. Subito dopo seguirà la partenza per Hell’s kitchen (Marafa). Questo luogo si trova a 40 km a nord ovest di Malindi dove si possono ammirare i sorprendenti colori della depressione geologica di Marafa, chiamata dai nativi 'Nyari' che letteralmente si traduce 'Il posto che si rompe da solo', anche se il vero appellativo con cui è maggiormente nota questa località è 'La cucina del diavolo'.
A solo un'ora di strada da Malindi, percorrendo un tragitto suggestivo tra grandi radure, villaggi e boschi di acacie, si arriva in questo luogo singolare ed evocativo. La cucina del diavolo era in origine un luogo caratterizzato da roccia arenaria che per effetto delle piogge si è eroso nel corso di millenni, dando vita ad un canyon dove pinnacoli, burroni, guglie e imponenti strutture sinuose (alte anche 30 metri) si alternano creando uno spettacolo senza eguali. Sostare qui fino al tramonto significa perdersi nei mille colori dell’Africa! Lo capirete da soli…

Safari nel Parco dello Tsavo est e Amboseli:
Le mete emozionanti non terminano qui… infatti, vi attendono tre giorni di safari nei Parchi dello Tsavo est e Amboseli: partendo dalla costa, sono l’ideale per chi dispone di 2 settimane di vacanza, ma c’è anche la possibilità di poter visitare altri Parchi, in più giornate. Partendo in jeep o minibus in poco più di tre ore dal vostro alloggio, raggiungerete l’entrata del Parco Tsavo est, il più grande tra tutti i Parchi. Varcando la soglia del Parco inizierete da subito a scorgere animali di ogni specie liberi di muoversi nel loro habitat naturale. Si alterneranno pause pranzo e cene nel vostro fantastico Lodge immerso nel Parco e dove anche a sera comodamente seduti a cena o per un drink, nella vicina pozza d’acqua alcune specie animali verranno ad abbeverarsi. Il Parco dell’Amboseli, diverso per tipologia di territorio, è più piccolo ma lussureggiante e pieno di animali con sfondo il monte Kilimanjaro.
Poche parole per descrivere un’infinità di emozioni che vi lasceranno a bocca aperta e rimarranno nel cuore per sempre per delineare il vostro Mal D’Africa.

Gli ultimi due giorni ci si dedica ancora al mare per rilassarsi completamente al sole in hotel a Watamu e godere ancora della tranquillità del luogo e della filosofia di vita dei Kenyani...Hakuna Matata!..Non c'è problema!

Durata del viaggio: due settimane circa.
Quotazione: su richiesta

l'autore di questo viaggio: Domenico Di Gennaro

')